Errori da evitareULTIMISSIME!

E’ finita la pacchia per le aziende che hanno investito tutto su Facebook

Finalmente ora le aziende che hanno investito tutto su Facebook si renderanno conto di quanto sia stato imprudente affidarsi all’improvvisazione e ai falsi profeti del marketing

Era ora!
Finalmente è giunta la fine dell’era dei FALSI PROFESSIONISTI del marketing!

Mi riferisco a tutta quella schiera di sedicenti esperti di marketing che, per anni, hanno sottratto soldi dalle casse di imprenditori e commercianti, avendoli convinti a pensare che davvero Facebook fosse la panacea di tutti i mali.

Tutte le aziende che hanno investito tutto su Facebook si ritroveranno presto a leccarsi le profonde ferite inferte da gente senza scrupoli, gente che, pur di intascare quattro spiccioli, ha fatto il lavaggio del cervello ad inconsapevoli imprenditori.

Mark Zuckerberg ha infatti annunciato importanti cambiamenti che, tra qualche giorno, rivoluzioneranno il più famoso social network del mondo.

A breve, le pagine Facebook aziendali NON avranno più la stessa visibilità di cui hanno goduto finora (spesso gratis). 
Ciò andrà a tutto vantaggio dei profili personali che torneranno ad avere la centralità di un tempo.

In pratica, com’è giusto che sia, Facebook darà la priorità ai contenuti personali, alle relazioni, alle interazioni, proprio come avviene in una pubblica piazza.

Ripercorrendo l’esempio della piazza, le aziende ci potranno essere ma pagheranno di più per esserci, anziché, com’è stato sinora, godere della gratuità del servizio offerto da Facebook. 

Il social network ha inteso così ripristinare la sua originaria mission di consentire scambi e relazioni tra persone vicine e lontane, a favore di una comunità più ricca di stimoli e di interconnessioni.

Quali sono le ripercussioni per le aziende che hanno investito tutto su Facebook?

Detta in parole povere, i post di negozi e aziende saranno meno visibili dagli utenti.
Per questo, le aziende dovranno ricorrere maggiormente alle “sponsorizzate” per mantenere la propria alta la propria visibilità.
Ciò si traduce in MAGGIORI COSTI.

Rimarranno visibili le aziende disposte a sborsare più denaro, dunque vi sarà una selezione di naturale a netto sfavore di tutti coloro che finora hanno “scroccato” lo spazio offerto da Facebook.

E’ la fine dei FALSI PROFETI, cioè tutti quella sottospecie di pubblicitari che, per anni, hanno spremuto i portafogli di numerosi imprenditori, avendoli convinti a concentrarsi su Facebook per farsi conoscere o per trovare nuovi clienti.


Iscriviti alla Newsletter per rimanere sempre aggiornato > ISCRIVITI ADESSO


Le aziende che hanno investito tutto su Facebook dovranno ora rivedere i propri investimenti e, soprattutto, chiudere per sempre il rapporto con certi imbonitori e praticoni del marketing a buon mercato.

Soprattutto, è giunto il momento di mettere da parte l’improvvisazione e cominciare a studiare una vera e propria STRATEGIA per raggiungere i risultati che contraddistinguono un’azienda vincente.

Come correre ai ripari nel frattempo che viene approntata una vera e propria strategia aziendale?

La prima cosa da fare è rinunciare ai post pubblicitari costituiti da bellissime immagini che spesso è foriera di zero interattività.

Bisogna puntare sulla produzione di contenuti di qualità, quanto più possibile originali, esclusivi e in tempo reale.

E poi occorre spingere sul coinvolgimento di quanti più utenti possibili che devono essere incentivati a interagire con commenti, condivisioni e non semplici like.

Non ti basterà pubblicare una semplice foto o un link per ottenere visibilità, ma dovrai cercare di aumentare considerevolmente le condivisioni e i commenti per far si che i tuoi post vengano visualizzati dal pubblico.

La cosa però più importante da fare è comprendere che fare marketing vuol dire approcciarsi al mercato con una vera e propria strategia, fatta di valore, autenticità, originalità, consenso e risposta diretta.

Da questo momento, le aziende dovranno rimboccarsi le maniche e imparare a fare marketing sul serio. 

Tutto questo comporta il fatto di tornare a riflettere su cosa significhi fare marketing.

Finora, specialmente le aziende che hanno investito tutto su Facebook erano convinte che fare marketing significasse semplicemente farsi conoscere, avere molti fan o numerosi Like, essere presenti nei vari social.

Ma è stato un GROSSO ERRORE che ha condotto molti imprenditori in un vicolo cieco dal quale però è ancora possibile uscire.

Come fare per acquisire nuovi clienti, visto che non avrai più la stessa visibilità di prima su Facebook?

La risposta è una e trina: studiare il mercato, stabilire una strategia, scegliere gli strumenti più adatti.

Il che, tradotto, vuol dire
» Studiare per bene i concorrenti diretti e indiretti
» Capire quali siano i veri bisogni e desideri del mercato
» Comprendere se la propria offerta è in linea con bisogni e i desideri
» Stabilire una strategia che tenga conto del prezzo, dell’esclusività, dell’organizzazione e della concorrenza presente e futura
» Adottare gli strumenti marketing per porre in atto la strategia tenendo conto del budget a disposizione
» Mettere a punto un’organizzazione commerciale che sia in linea con la strategia e che sia in grado di produrre clienti dai clienti stessi
» Fare pubbliche relazioni sia on line che off line, puntando a contenuti di qualità, relazioni e soprattutto innovativi sul fronte dell’offerta.

Se per anni hai pensato che il successo fosse il frutto di una strada facile e possibilmente in discesa, beh.. finalmente forse hai capito che è stata una follia.
E che ora, se vuoi stare al passo, devi affidarti a gente competente e seria.

Personalmente non sto qui a consigliarti di affidarti a professionisti come noi, perché dovresti averlo capito da solo.

Quello che invece ti consiglio è di affidarti a chi, come noi, può offrirti PRECISE GARANZIE e non squallide promesse.

Se hai voglia di approfondire la questione, allora non perdere tempo e compila il form di contatto sottostante!

* i campi con l'asterisco sono obbligatori

I tuoi diritti in materia di privacy sono tutelati da Digida srl nel rispetto della vigente normativa (D.lgs 196/2003).